mercoledì 12 dicembre 2012

12/12/12


Gli anniversari non mi appassionano. Le ricorrenze non mi entusiasmano. Quando mio marito suggerisce di festeggiare il contachilometri dell'auto che sta per segnare una serie di cifre tutte uguali, lo guardo con affettuoso biasimo.
Il calendario è una convenzione. E difatti non mi è mai importato nulla della fine dell'anno. Non festeggiai nemmeno quella del 1999. Così come sono passati nella mia completa indifferenza l'1/1/01, il 2/2/02, il 3/3/03, ecc.
Ma allora che me ne cale che oggi sia il 12/12/12?

8 commenti:

  1. Mmmh! Forse perché (inevitabilmente) sarà l'ultimo?
    A me dispiace...Spero che le mie figlie possano vedere 01/01/2101, avranno cent'anni, ma non si sa mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo volevo scrivere... ma l'hai fatto tu :-)

      Elimina
  2. Secondo me dipende da come si considera questo fenomeno: non credo che tutti lo giudichino nella stessa maniera. Sono d'accordo con te se si sta parlando di quelle persone che vivono di date, numeri e ricorrenze; quella gente che fornisce a questi elementi inutili grande risalto e impegno mentale. Anche a me non interessano affatto queste coincidenze numeriche e le date, ma non penso vi sia qualcosa di male o sbagliato se qualcuno le prende come un gioco. Chiamiamolo un innocente passatempo per distrarsi e divertirsi. Finché resta in quest'ambito chi se ne frega?

    Poi, certo, se vengon fuori cose come la fine del mondo predetta dai Maya c'è motivo di biasimo.

    RispondiElimina
  3. Sommando i numeri si ottiene 9 =i
    moltiplicando 12x3 si ottiene 36 =i
    12x12x12 = 1728 =r rii? iri?
    Ti suggerisce qualcosa?
    Ciao bella!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono ferrata per i numeri. :-) non c'ho capito nulla, Cri!

      Elimina
  4. Ammetto che un po' mi è dispiaciuto pensare che non ci saranno più date così, con queste sequenze di numeri uguali. Più che altro questo ci fa pensare che la prossima ricorrenza di questo tipo avverrà fra una novantina d'anni o, peggio, fra un millennio, e ci ricordiamo che noi, anche se speriamo non sia così, probabilmente non ci saremo...

    RispondiElimina
  5. :-) figurati che R ed io festeggiamo il "meseversario" di matrimonio. Buona scusa per andare a mangiare fuori o qualcosa del genere eheh...

    Secondo me una ricorrenza ha senso per il significato che le si attribuisce. Per esempio mi importa niente del 25 di dicembre quanto invece mi piace invece festeggiare quello di aprile.

    RispondiElimina