domenica 14 ottobre 2018

Il susino fiorito di ottobre. Diario del nostro podere. Diciottesima puntata

Due delle nostre noci

12-14 ottobre 2018

Temperatura ancora gradevolissima in questo periodo, soprattutto in mezzo del giorno. Lo dimostra il fatto che il susino grande è impazzito e è fiorito del tutto fuori stagione. Le piogge autunnali ancora non si vedono e le piante lo dimostrano: quasi del tutto spogli i ciliegi e i noci, spoglia la catalpa (spina nel fianco di R che medita una sua sostituzione). Tuttavia i piccoli ibischi presentano dei piccoli ributtini che ci fanno sperare che non siano spacciati.
Il grosso del raccolto dei frutti è ormai andato ma anche questo finesettimana qualcosa si trova: un cestino di noci (forse anche più sane di quelle della volta scorsa), qualche fico residuo, le ultimissime mele, un bel po' di semi di finocchietto per tisane e qualche piccolissima castagna.
Durante la nostra passeggiata della domenica mattina raccogliamo diverse altre castagne sul bordo della strada, abbastanza per una caldarrostata una volta tornati a Firenze.
Riusciamo anche a mangiare le prime due bacche di corbezzolo.
Scrutiamo le olive per capire se è ora di raccoglierle ma ci sembra ancora presto, sia sui nostri pochi alberi che su quelli ben più numerosi della nostra vicina Silvana. Anche in paese ci confermano che prima di novembre non è il caso di raccogliere e aggiungono che se non pioverà probabilmente la resa sarà piuttosto bassa. Speriamo quindi nella pioggia, visto che quest'anno ci siamo decisi a tentare la raccolta dotandoci di casse, rastrelli e telo.
Filtro un bel po' di macerato d'ortica e sego alcuni rami per il camino. Seghiamo anche, con un po' di dispiacere, il fico che è smottato verso la terrazza visto che ormai è spoglio.
Lasciamo il nostro podere domenica dopo pranzo, mentre sull'altro lato della casa gli operai stanno finendo il rifacimento del tetto. Chissà se riusciremo a rifare anche il nostro, come ci ha promesso ormai da un anno e mezzo il nostro indolente geometra di fiducia!

lunedì 8 ottobre 2018

Ancora la Perugia - Assisi


Dopo sette anni sono tornata a fare la Marcia per la Pace Perugia - Assisi. Ecco che, accingendomi a scrivere le impressioni della giornata di ieri, mi accorgo che riscriverei pari pari il post di sette anni fa: atto di testimonianza e condivisione più che di incisività antibellica, evento festoso, colorato, pieno di giovani e, perché no, anche divertente.
Ma perché tornarci in particolare quest'anno? Perché ho sentito il bisogno di fare qualcosa contro il clima di odio, contro gli egoismi, contro i "primagliitalianieglialtrisperiamoaffoghinotutti", per sentirmi meno sola, per vedere che c'è un'altra Italia più solidale e accogliente.
Devono averlo pensato in tanti visto che l'affluenza è stata veramente eccezionale. Si torna a casa con i piedi doloranti ma con il cuore rinfrancato.

lunedì 24 settembre 2018

Missione noci, fichi e mele. Diario del nostro podere. Diciassettesima puntata.


21-23 settembre 2018 

Arrivando al solito di venerdì pomeriggio il primo pensiero va ai frutti da raccogliere. Ci sono ancora un po' di fichi, piccoli ma dolcissimi perché stavolta per fortuna il sole li ha asciugati conservando il loro nettare. Poi ci concentriamo sulle noci, alcune già cadute le recuperiamo da terra mentre altre le facciamo cadere sui teli battendo i rami con una canna. Non sono molte ma speriamo che siano buone. Decidiamo che è ora di cogliere anche le mele rotelle. Purtroppo sui rami non ne sono rimaste molte. Alcune sono ancora indietro ma, prevedendo di non tornare che tra due o tre settimane, non vogliamo rischiare di trovarle tutte per terra e le cogliamo tutte: tre cassette più una di mele rotolate da fare cotte. Altro raccolto: i semi del finocchietto selvatico con i quali contiamo di fare ottime tisane. 

Il tempo è bello e caldo, solo un po' di nuvole il sabato mattina. I nostri alberi sembrano sentire già l'autunno: praticamente spogli i susini, ingialliti quasi tutti ma soprattutto i ciliegi, il gelso e la catalpa. Ripulisco un po' tutte le piantine basse e do loro un po' di concime. Roberto invece pianta due aster (detti anche settembrini) che abbiamo comprato ad un mercatino a Firenze. Dicono che sono molto robusti e rustici. 
Mette un po' di malinconia l'estate alle nostre spalle ma la campagna ha una luce più bella in questa stagione. Le giornate sono più corte e sabato sera mettendoci a tavola in terrazza ci fa compagnia uno spettacolare tramonto. Non vorrei essere in nessun altro posto al mondo.


domenica 9 settembre 2018

I fichi marciti, i sospirati pennacchi e le aracnoarchitetture.Diario del nostro podere. Sedicesima puntata.

7-9 settembre 2018

“Signora, sono maturi i fichi!” mi grida l'anziano vicino dall'altra parte della strada mentre innaffio l'agrifoglio. “Eh, sì, ho visto. Siamo quasi venuti apposta!” rispondo. “Eh ma se piove non son più buoni!” dice lui. Ha ragione, mannaggia! Arriviamo di venerdì pomeriggio e io mi precipito a coglierli cercando di prevenire un temporale che si annuncia all'orizzonte. Delusione! Molti sono caduti, tanti pendono mosci ed anneriti dall'albero ed anche quelli che sembrano buoni hanno segni di inizio di marcescenza. Ne raccolgo comunque circa tre cestini sperando di ricavarne almeno materiale per un'altra mandata di marmellata (che per fortuna verrà squisita). 
Tutto sembra cambiato qui in campagna rispetto a quando l'ho lasciata una decina di giorni fa: è tutto più umido, e ciò è un bene per le nostre amate piante, però il sole tramonta prima che riusciamo a metterci a tavola e fa freddino a cenare in terrazza. Le noci cadute cominciano ad essere commestibili e le mele rotelle sono diventate più grosse e rosse. Le nostre due piante di erba della Pampas hanno “partorito” dei graziosi ciuffi, una di colore bianco e l’altra di colore rosa.  
Sabato mattina ci svegliamo con la nebbia (altro segno dell'autunno alle porte) che piano piano si dirada ma prima di sparire del tutto ci offre uno spettacolo incredibile. Le goccioline di nebbia con il sole mattutino mettono in evidenza le miriadi di ragnatele distribuite sul nostro podere. Costruzioni elaboratissime che spiccano sull'erba o tra una pianta e l'altra, qualcuna persino con in mezzo il suo orgoglioso architetto. Certo, la natura non cessa mai di stupirti.

lunedì 3 settembre 2018

Soufra

In questo periodo ho particolarmente bisogno di storie positive, di esempi di coraggio e di riscatto. "Soufra" è uno di questi.
Il film documentario è andato in onda col doppiaggio italiano quest'estate per la serie di DOC3 di RAI3, che di solito mostra storie tristissime. Invece questo racconta di un gruppo di donne palestinesi che vive da tempo nel campo profughi di Beirut. Siccome sono molto brave a cucinare, decidono di mettere su un'azienda di catering sia per feste e banchetti, sia per street food con un furgone.
Queste donne caparbie riescono a raccogliere fondi tramite una colletta internazionale per poter partire ma soprattutto riescono a superare le numerose difficoltà burocratiche che, soprattutto come profughe, incontrano nell'avviare la loro attività. La loro leader, Mariam Shaar, è fantastica e smentisce completamente lo stereotipo della donna islamica sottomessa. Mariam dice che durante la guerra ha visto la morte in faccia e ciò la resa forte tanto che tutti gli altri problemi le sembrano meschini. 
E' sempre importante per le donne l'indipendenza economica e poi...
... queste palestinesi cucinano delle cose così invitanti!

domenica 2 settembre 2018

Quando la sanità pubblica ti stupisce


Con ancora nella mente il servizio di Presa Diretta di questo inverno che mostrava situazioni allucinanti negli ospedali pubblici, sono andata all'appuntamento per una visita audiologica all'ospedale San Giovanni di Dio di Firenze (conosciuto dai fiorentini come Torregalli).
Devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa. I locali devono essere stati ristrutturati da poco perché sono in ottimo stato, puliti, le pareti colorate, gli arredi nuovi.
Anche il servizio è stato ottimo. Sono arrivata in anticipo ma il tecnico audiometrista, un giovane con una bella barba, mi ha chiamato dopo pochi minuti. Le apparecchiature mi sono sembrate più nuove del laboratorio privato a cui mi sono sempre rivolta. Ed infine la dottoressa mi ha fatto un'ottima impressione: mi è sembrata appassionata del suo lavoro e partecipe del mio problema, tanto che mi ha dato esaurienti indicazioni e si è raccomandata di tornare tra un anno facendomi subito la richiesta per poter prendere il prossimo appuntamento.
Nonostante quindi che stiano cercando da anni di smantellare la sanità pubblica, fa piacere che ci siano in essa operatori che resistono e governi regionali che ci credono e ci investono. Non è un caso che, anche nell'inquietante servizio di Presa Diretta, i due esempi citati di sanità pubblica fiore all'occhiello sono stati proprio due esempi toscani: l'ospedale di Prato e il pediatrico Meyer di Firenze.
Teniamocela cara.

lunedì 27 agosto 2018

La memoria degli orrori del passato ci serva per non smarrire la nostra umanità



Il piccolo paese della Lunigiana dove trascorro le mie vacanze e dove mi rifugio appena posso fu teatro, il 19 Agosto 1944, di un brutale eccidio ad opera delle SS di Walter Reder dove morirono 159 persone. Tutti gli anni la strage viene ricordata con una cerimonia preannunciata da manifesti e da uno striscione che, nei giorni precedenti, viene affisso sotto casa mia. Quest'anno la sera del 18 non vedo lo striscione e mi viene un colpo. Possibile che non si faccia niente? 
Per fortuna, si trattava solo di un ritardo. Mi sveglio al mattino del 19 e lo striscione è lì.
Vado così a Valla, la località dove furono massacrati i civili, donne, vecchi e bambini, ed assisto al discorso del Sindaco, dell'assessore regionale e del presidente dell'associazione dei familiari.
Tornando verso casa penso che tutto ciò può sembrare routine, stanco rito, vuota rievocazione di fatti lontani. Eppure mi dico che no, non è così. In questi tempi bui, dove sembra che si stia perdendo il senso di solidarietà umana, la pietà minima, basilare verso chi soffre, dove sembra regnare l'indifferenza se non addirittura l'odio, in questo periodo nel quale apro i social e rabbrividisco nel leggere gli insulti di cui sono capaci le persone, è bene ricordare a cosa porta tutto ciò.
Ed è bene anche sapere a cosa può arrivare il consenso di una folla, tenuta nell'ignoranza e opportunamente sobillata. Si pensi al massacro di 42 ebrei accaduto a Kielce (Polonia) il 4 luglio del 1946, cioè ben un anno dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale (lo racconta molto bene Paolo Soldini in questa puntata di Wikiradio).
Che la memoria dei morti di San Terenzo e Bardine quindi ci serva sempre da bussola.