sabato 26 dicembre 2009

La casa dei miei sogni

Si potrebbe pensare che stia per parlare di ville con piscina immerse nel verde ed invece mi sto semplicemente chiedendo come mai da anni i miei sogni (i pochi che mi ricordo, ahimè) si svolgono tutti nella casa in cui ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza. Talvolta nel sogno ci sono i miei genitori e allora capisco che si tratti di una scena del passato. Altre volte però ci sono mio marito e i miei figli eppure il tutto è ambientato lì, sempre in quel piccolo appartamento e in special modo in cucina.
Eppure ne ho cambiate di case da quando, verso i ventidue anni, me ne sono andata via. Dopo una breve parentesi ospite del mio partner di allora, comprai un piccolo appartamento in centro dove ho vissuto per circa otto anni fino a quando è nato il mio primo figlio e non ci stavamo più. Nella mia vita credo di aver sognato questa casa solo un paio di volte e, se mi ricordo bene, essa appariva anche semidistrutta o ridotta molto male.
Abito da circa quindici anni nella stessa casa ma non ho mai fatto un sogno ambientato in essa. E' come se il mio inconscio fosse rimasto inchiodato là, al settimo piano di un palazzo periferico degli anni Sessanta, con il balcone sul cortile, l'ascensore (spesso ho incubi in cui esso è guasto, le scale sono come un labirinto e io non riesco a tornare a casa). E' come se la donna che sono oggi sia ancora, nel suo profondo, quella bambina che stringe la sua nuova bambola reggendosi timorosa alla ringhiera del terrazzo di cucina.
Chissà perché. Capita anche a voi?

10 commenti:

  1. assolutamente no! Grazie a Dio Sigmund ci rassicura con la rimozione....

    RispondiElimina
  2. non ho sogni ricorrenti, fortunatamente. Ultimamente sogno spesso i miei genitori, ma sempre in un contesto sconosciuto anche se, nel sogno , so essere familiare. Nei miei sogni ci sono sempre molti personaggi di epoche diverse ma mischiati fra loro in una dimensione al di là dello spazio e del tempo. Sinceramente ricordo si aver fatto assai raramente sogni angoscianti. Con una certa frequenza.invece, mi capita di sognare di dover ancora fare l'esame di maturità e di non essere pronto.

    RispondiElimina
  3. A me accade quando qualcosa del mio passato si riaffaccia nel presente: può accadere che una situazione mi riporti là ed allora sogno della mia casa d'infanzia...
    Sogniamo liberamente, seguendo una logica illogica dove passato e presente sono una unica dimensione: e forse questa è una indicazione preziosa.
    Ciao e grazie per il tuo post.

    RispondiElimina
  4. Credo che la casa della nostra infanzia sia la nostra villa con piscina immersa nel verde. Poi, il fatto di poterci vivere con le persone che abbiamo scelto successivamente, penso sia il "sogno" che, se pur ragionevolmente rifiutato, è quello che inconsciamente possa essere il più desiderato.
    Io non ricordo mai i miei sogni, purtroppo. Già dormo così poco...
    Ma grazie per la tua bella foto: so che non è vero, ma anche in questa non posso fare a meno di sentire qualcosa di familiare.

    RispondiElimina
  5. anch'io sogno spesso una casa del passato, un vecchio appartmento in un edificio dell'ottocento, soffitti altissimi, spazi enormi. Era più alta delle case intorno e dalle finestre si vedevano i tetti. Lì abitavamo quando è nata mia sorella e quando suonavo l'arpa, forse due cose che sono state importanti nella mia vita. anche l'altro giorno ho sognato che traslocavamo l'ufficio in un appartamento che era praticamente identico.

    RispondiElimina
  6. L'arpa? Forte! Beh, se anche tu nonostante i tuoi numerosi traslochi hai una casa che predomina nei sogli, mi consolo.

    RispondiElimina
  7. Sì sì, capita sempre anche a me di sognare la mia prima casa come se il mio subconscio considerasse lei e lei sola quella vera. E' buffo perchè poi magari mi capita di sognare anche quella dove sto ora, ma la riconosco solo se quando mi sveglio ricordo il sogno, mica durante! Che cosa strana.

    RispondiElimina
  8. lucecontroluce@splinder.com30 dicembre 2009 10:04

    Si, la prima casa non si scorda mai. E' di solito quella in cui si sono fatti i primi sogni, quelli che appunto non si scordano mai. E' la prima casa ad aver protetto, nascosto, custodito. E' i che si sono verificati i primi incontri non la propia anima. Ci sono cose che ci seguiranno sempre, nella vita, ovunque andassimo, e cosi' fanno anche le case.
    Ciao
    Celestechiaro

    RispondiElimina
  9. chiedo scusa
    ho messo un ID non corretto
    è la primavolta che commento fuori splinder
    era:
    www.lucecontroluce.splinder.com

    RispondiElimina
  10. Capita di fare sogni che ci ancorano al passato. Un ritorno indietro a rivisitare la nostra storia, a dirci forse che non dobbiamo perderla...

    RispondiElimina