lunedì 18 novembre 2013

Assaggio autunnale di Torino

Seconda tappa del tour fra le città italiane che ci siamo ripromessi di fare insieme a mio figlio: Torino, bella città con le sue diritte vie dai nomi sabaudi, con i negozi dalle insegne storiche, con gli eleganti palazzi che ricordano la Francia. Quella sua aria così europea e così poco italiana, ci ha proprio affascinato, complice il sole di sabato che indorava le foglie multicolori degli alberi.
Ci è piaciuto il museo del cinema, il turbinìo di ragazzi che ravvivano via Po e Piazza Vittorio Veneto  il sabato sera, l'allegro entusiasmo dei partecipanti alla maratona che trottavano per le vie del centro domenica mattina e la bella mostra su Renoir alla Galleria di Arte Moderna
Ci siamo gustati la cena nella trattoria tipica Cantine Barbaroux ed il pranzo koscher al ristorante della Sinagoga.
Alla prossima tappa. 

5 commenti:

  1. Ehi, adesso anche col figlio! Quanti anni ha?
    A proposito della bottega di Libera, vorrei che ne aprissero una anche qui! Ci spero!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana,
      trovi i prodotti di Libera anche nelle botteghe del commercio equo. A Como per esempio ho trovato questa:
      http://www.garabombo.it/dview/le-botteghe/7/7/11/1/garabombo/
      oppure puoi seguire la pagina FB di Libera Como
      https://www.facebook.com/liberacomo

      Mio figlio maggiore ha vent'anni. Ciao

      Elimina
    2. Ciao delizia! Grazie.
      Cri

      Elimina
  2. Torino è bellissima ! io ho studiato all'Università a Torino ma ci andavo fin da piccola perché lì viveva la mia madrina di battesimo Andrò anch'io a vedere la mostra di Renoir con un viaggio organizzato coop e ne approfitterò per una bella passeggiata a piedi in centro ... Ci sono tante cose da vedere, gustare e riportare a casa, alcune nel cuore, altre in borsa !!!
    buona continuazione del viaggio erica

    RispondiElimina
  3. L’unico museo del cinema che ho visitato fino ad oggi è quello di Torino (la scorsa estate). E l’ho trovato straordinario. Sono d’accordo con te: è una bella città, tanto diversa da quel luogo grigio che visitai negli anno Ottanta con i miei genitori. Un posto da riscoprire.

    RispondiElimina