giovedì 31 gennaio 2013

E' nell'aria

L'ho sentita. Sono uscita di casa verso le cinque e mezza, mi sono incamminata verso la palestra e l'ho sentita. Non è semplicemente una questione di temperatura. Il termometro sul palazzone segna dieci gradi, ma non è quello. Non è solo perchè fino alla settimana scorsa a quest'ora era buio mentre oggi è ancora giorno e il sole, appena tramontato, disegna strisce rosa sulle nuvole rade. E' quell'odore particolare. Non viene dalla terra o dalle piante. Siamo in piena città, asfalto da tutte le parti, al massimo si sente la puzza degli scarichi degli automobili e delle cacche dei cani. Eppure è nell'aria. Eppure percepisco quel nonsoche impalpabile ma inconfondibile.
Massimo Montanari, nella sua serie sulla storia della cucina per "Alle Otto della Sera" (meno erudito di Marino Niola ma più interessante, anche se, a dire il vero, la cucina non è proprio un argomento che mi appassioni più di tanto) ricorda ad un certo punto il mito di Demetra e di Persefone. La prima, dea della terra e della fertilità, provocò un duro interminabile inverno dopo che la figlia Persefone le fu rapita e portata agli inferi. Si giunse al compromesso secondo il quale Persefone sarebbe stata sotto terra solo alcuni mesi all'anno, durante i quali la natura si ferma, si chiude in se stessa e tutto sembra morto. In questo periodo in cui Persefone è sotto terra non ho voglia di fare nulla, mi sembra tutto negativo e vorrei solo rifugiarmi in una tana.
Per questo cerco di captare ogni segnale nell'aria. E ieri l'ho sentita. Sta tornando. E' nell'aria. La Primavera.

12 commenti:

  1. Ciao carissima,
    nella Val Graziosa ... ricordi c'era la neve, l'altro giorno ho avvistato le prime giunchiglie. Sta arrivando finalmente, l'umore si trasforma ... Buon avvisaglie di Primavera a tutti.
    A presto Arte.
    s.

    RispondiElimina
  2. Si', insomma... sembra un po' che sensazione abbia natura simile a quella che provo quando sbarco alle isole. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, meglio cannella e zenzero che tubi di scappamento e cacche :-)

      Elimina
  3. Pure qui...e pensare che dovrebbero essere i Giorni della Merla!!!!

    RispondiElimina
  4. Spero ardentemente che tu abbia ragione, Arte, ma non dimentichiamoci che sta arrivando febbraio, uno dei mesi pi capricciosi, freddi e nevosi.
    Ciao bella!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so, cara Cristiana. Non dimentico il gelo siberiano dell'anno scorso :-)

      Elimina
  5. E' proprio vero; dopo il mio compleanno (che è oggi), si annusa nell'aria l'inizio della primavera. E da vera egocentrica, io ci vedo un rapporto di causa ed effetto; no scherzo...buona Primavera, Artemisia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon compleanno, Licia.
      :-( da me e' ancora inverno....

      Elimina
    2. Ehi! Auguroni e ben tornata!

      Elimina
  6. Pensa che nella pineta vicino casa mia sono addirittura spuntate le margherite. Se solo fosse sempre primavera... probabilmente non la apprezzeremmo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto saggio, Matafione. Tuttavia mi piacerebbe provare. :-)

      Elimina
  7. Proprio ora sto ascoltando "Voglia d'inverno" dei Nomadi: immagino non sia la tua canzone preferita!

    RispondiElimina