lunedì 27 febbraio 2017

Si è spento il sorriso del "mio" partigiano


Vorrei vedere ancora il tuo sorriso così buono.
Vorrei vederti ancora seduto a quel tavolino alla casa del popolo dove andavi tutti i pomeriggi.
Vorrei che tu mi raccontassi per la milionesima volta di quando, l'8 settembre 1943, eri a Gorizia e vedevi passare dei treni merci carichi di soldati che cantavano "Mamma".
Vorrei sertirti ancora finire le frasi con "eccetera eccetera" per mascherare le tue difficoltà nel trovare le parole.
Vorrei che tu mi chiedessi ancora di darmi da fare con il tesseramento ANPI perché... "ce n'è bisogno!"

E invece te ne sei andato, Alfio.
E io che ti avevo promesso di farti visita "subito dopo le feste" ho aspettato troppo e non ti vedrò.
Mi mancherà il tuo affetto sincero e la tua gratitudine perché ho cercato di mandare avanti la sezione ANPI al posto tuo che non ce la facevi più.
Mi mancherai, Alfio.

1 commento:

  1. Descrivere il Compagno Alfio in due righe è cosa veramente difficile e riduttiva,
    Nella lunga militanza trascorsa insieme prima nel PCI, poi nel PDS ed infine nei DS ho avuto modo di poter conoscere Alfio con il carattere schietto e sincero, col suo volere essere sempre presente in tutte le iniziative, le assemblee, le manifestazioni.
    Abbiamo vissuto tantissimi momenti di condivisione fraterna e si sentiva che la sua era una militanza di radicate origini, sorretta da valori indistruttibili proprio perché basati sugli ideali di Libertà e Giustizia.
    Il suo modo di essere Combattente Partigiano non è mai cessato, ed ancora che ci ha lasciato rimane il suo enorme patrimonio di umanità, di saggezza, di grande fermezza.
    Dire grazie al Compagno Alfio è anche questo riduttivo, anche se si provasse a scriverlo con lette cubitali.
    Da qualche parte ho letto una proposta per fare in ogni città il parco dei Giusti. Ecco: lì all'ombra di un olmo già vedo il suo nome inciso "ALFIO TABANI Partigiano Combattente per la Giustizia e per la Libertà del suo popolo".
    Ciao Alfio, sarai sempre nei nostri cuori e il tuo insegnamento nelle nostre menti.

    RispondiElimina