venerdì 7 dicembre 2007

Report: come è andata a finire?

Sono tanti quelli come Spunto, che non riescono a dormire la notte dopo aver visto la deprimente realtà messa a nudo dall'ottima trasmissione Report di RAI3. E allora la buona notizia potrebbe essere semplicemente che Report è finito.
Ma per chi ce l'ha fatta ad arrivare in fondo alla puntata di domenica scorsa, dopo il mal di stomaco procurato dal vedere le condizioni di lavoro nel tessile e la mafia che regna nel mondo della moda e delle griffe, è stato ricompensato. Milena Gabbanelli nella rubrica Come è andata a finire? (18 min. e 40) ha risposto ai tanti che le scrivono chiedendo come mai dopo le loro denunce non succede mai niente e ha fatto una carrellata di conseguenze delle loro inchieste:

- Puntata "Roba nostra" (5/11/2006) sui soldi sequestrati dalla magistratura che scopre degli illeciti (vedi la scalata alla Antonveneta) e che rimangono in mano alle banche e alle poste quando lo stato potrebbe farne un utilizzo migliore. A seguito della trasmissione è stata nominata una commissione composta proprio dai magistrati che avevano denunciato la cosa. La commissione ha proposto: la creazione di un'agenzia che farà l'inventario dei beni sequestrati in Italia e all'estero; i corpi di valore che giacciono negli scantinati dei palazzi di giustizia italiani saranno venduti (riducendo anche i costi di gestione); i 1.700 ML di Euro sequestrati saranno fatti fruttare al tasso legale; si dovrà informatizzare il processo penale per evitare fascicoli dimenticati; è prevista la creazione di una società all'interno del Ministero delle Finanze che si preoccuperà di incassare le spese processuali (700 ML di Euro ogni anno di cui se ne incassano non più di 40) e le pene pecuniarie. La costituzione di questi due nuovi enti sarà a costo zero perchè si finanzierà con i soldi che riuscirà a recuperare. La proposta è in approvazione al parlamento e sarà operativa dal prossimo anno.

- Dopo la puntata del 14/10/2007 sugli investimenti cosiddetti "Derivati di credito strutturati" venduti alle Pubbliche Amministrazioni come la Regione Piemonte o il Comune di Napoli, la Corte dei Conti del Piemonte sta indagando e la procura di Milano ha aperto un'inchiesta.

- Il 20/05/07 Report aveva rivelato l'esigua mole di lavoro delle nove procure militari esistenti in Italia: 3 udienze al mese, 3000 processi pendenti per tutte le nove procure che rappresentano un quarto di quelle che ha una sola procura ordinaria di provincia. E' passata al Senato la proposta che riduce i tribunali militari da 9 a 3, i magistrati da 103 a 58, gli altri passeranno alla magistratura ordinaria.

- Il 13/5/07 avevano parlato della vendita di Wind da parte di ENEL senza gara e successivamente la procura di Roma ha fatto partire un'inchiesta con l'ipotesi di corruzione.

- Nel maggio 2006 erano state messe in luce le convenzioni universitarie grazie alle quali c'era chi poteva laurearsi dando solo 6 esami su 24. Il ministro Mussi ha portato il riconoscimento dell'esperienza lavorativa ad un massimo di 60 crediti invece di 120/130.

- Report del 23/4/2006 aveva raccontato il finanziamento pubblico ai quotidiani (667 ML di Euro l'anno). Il sottosegretario competente per l'editoria ha dichiarato di aver tenuto conto della trasmissione per preparare la nuova legge presentata ad ottobre scorso e che prevede: un solo giornale di prenderà contributi, niente cooperative fittizie come Il Foglio (almeno il 50% dei dipendenti deve essere socio), le copie in omaggio non danno diritto ai contributi. Altri tagli sono in finanziaria.

- Nella puntata del 22/10/2006 si era messo in evidenza come la Società Sviluppo Italia, nata per lo sviluppo economico del Mezzogiorno, fosse un'idrovora di denaro pubblico e una calamita di clientele. A marzo c'è stato un cambio dei vertici e sono stati ridotti i consiglieri da 9 a 3. La Sviluppo Italia sta uscendo intanto dalla società dei fratelli Cuffaro.

- Recentemente sono stati indagati per abuso d'ufficio il sindaco di Milano Letizia Moratti e il direttore amministrativo a seguito di quanto emerso nella puntata del 19/11/2006 sull'incremento di spesa del Comune di Milano e sulla nomina di ben 54 dirigenti esterni.

Come dice la Gabbanelli, non è tutto lavoro buttato al vento.

4 commenti:

  1. Diciamo che a volte l'adrenalina sale, eccome se sale. Per me Milena Gabbanelli è un genio, è l'ultima frontiera del giornalismo di inchiesta. Nell'ultima puntata poi, si è concessa una battuta autoironica con la quale però non si è scomposta di una virgola. Qualcuno le aveva consigliato per mail di far vedere più ciccia in TV, e lei "farei vedere volentieri qualcosa di più ma non lo faccio per non pudore nei confronti degli spettatori". Brava Milena. Ciao Artemisia ;-)duccio

    RispondiElimina
  2. Si', e' piaciuta molto anche a me quella battuta. Era stata la Littizzetto a suggerirle, col suo solito stile, di "far vedere qualcosa"...

    RispondiElimina
  3. donnanonmoderna7 dicembre 2007 19:49

    Questo post è veramente interessante, io seguo Report mentre ceniamo e non sempre riesco ad afferrare tutto tutto, ma a quanto pare mi basta venire da te per capire. Grazie carissima...buona serata...Carmela.

    RispondiElimina
  4. Ottimo post! Mi è tanto piaciuto che ne ho parlato nel mio blog e mi sono permessa di linkarti. Spero non ti dispiaccia..Sono arrivata a te da Duccio..dal leggere i post "derivati" dal suo appello contro il razzismo dei sindaci leghisti..Anch'io ne ho fatto uno...A proposito: molto bello e approfondito il tuo..
    Ciao e a presto..ora che ho scoperto il tuo blog..
    Frida

    RispondiElimina