sabato 5 gennaio 2008

Ma è poi così brutta Aulla?

Il post di Heike Castello Aullallà mi ha fatto sentire in dovere di difendere questa piccola cittadina nei dintorni della quale trascorro qualche giorno di vacanza ogni anno.
Aulla si trova in una posizione strategica, alla confluenza del Magra con l'Aulella, circondata dall'Appennino ed in vista delle Apuane. La Fortezza della Brunella, costruita nel XVI secolo, domina il paese dall'alto ed è circondata da un bel parco dove si trova persino un cimitero per gli animali domestici detto "Parco degli affetti".

Grazie alla sua posizione ed al fatto di trovarsi sulla Via Francigena la cittadina è da secoli un importante centro commerciale. Nel 884 vi sorse l'abbazia di San Caprasio. Di essa come del resto del centro storico non è rimasto quasi nulla dopo i pesanti bombardamenti del 1944. E' per questo che oggi Aulla appare un paese moderno fatto di palazzoni, di capannoni industriali e di centri commerciali. Un aspetto trash, come l'ha definito, a ragione, Heike.

Ma a mio parere non è questa la cosa più negativa della cittadina quanto la mentalità degli Aullesi, molto conformisti, piuttosto provinciali, un po' leghisti, una mentalità che si rispecchia perfettamente nel suo ex sindaco Lucio Barani, che agli Aullesi hanno recentemente eletto deputato alla Camera per la DC-Nuovo PSI.


Francamente provo fastidio che accanto alla lapide che ricorda i caduti della Resistenza ci sia il monumento alle "Vittime di Tangentopoli",


che davanti alla sede del Comune che è stato insignito di Medaglia d'oro al Valor Civile ("Contribuì generosamente alla guerra di liberazione con la partecipazione di molti suoi giovani ai primi nuclei partigiani, offrendo splendido esempio di spirito di sacrificio ed elette virtù civiche") ci sia un cartello che lo proclama "Comune dedipietrizzato",




che la piazza dedicata ad Antonio Gramsci confini con quella dedicata a Bettino Craxi (con tanto di monumento in marmo) (precursori del Pantheon del PD?). Ecco che allora accanto al trash estetico troviamo quello culturale. E questo a mio modesto parere è assai più preoccupante.



Intanto però sul Magra si posano gli aironi bianchi...









Altre foto scattate ad Aulla le trovate in:
http://picasaweb.google.it/artemisiavive/Aulla#

17 commenti:

  1. Quanta Italia c'è da conoscere, quante storie. Questa Aulla la stanno massacrando 'sti leghisti! Peggio dei bombardamenti.
    Meno male che gli aironi se ne infischiano e tornano fedelio. Bel post: passione civile e occhio alla natura. Sei forte!
    grazie per tutte le informazioni

    ciao marina

    RispondiElimina
  2. Prego!
    (solo giusto per vedere se ti arriva questo...)

    RispondiElimina
  3. I tuoi post mi fanno pensare, non per quello che dicono, ma per quello che c'è dietro. In questo si vede tanto amore per un luogo. Ma un amore che non è cieco, ma che, come tutti gli amori veri e sinceri, vedono benissimo, vedono i pregi e anche i difetti. E che continuano ad amare nonostante i difetti.
    E poi, da uno che ha passato tutta l'infanzia e la giovinezza in mezzo alle risaie, anche solo un airone è un segno che allarga il cuore e rinfranca lo spirito.
    Grazie Artemisia. Pace e benedizione
    Julo d.

    RispondiElimina
  4. Julo, "amore" per Aulla è un po' eccessivo. Diciamo che sono un po' bastian contraria. Se di una cosa (o di una persona) sento parlar male vi viene spontaneo cercare i lati positivi e viceversa.
    Che bello gli aironi sulle risaie!
    Comunque di aironi ve vedo passare tanti anche nella piana industriale fiorentina dalla finestra del mio ufficio. Chissà, prima o poi ci farò un post anche su questo.
    Grazie e pace anche a te!

    RispondiElimina
  5. Sono andato a vedere i tuoi album su picasaweb. Belle foto.
    Mi sono permesso di citare il post che avevi linkato nel tuo commento. Spero che non ti dispiaccia. Se così fosse fammelo sapere che tolgo il rimando.
    Pace e benedizione
    Julo d.

    RispondiElimina
  6. Il monumento alle "vittime di tangentopoli" pensavo fosse intitolato ai cittadini truffati dai politici corrotti. E invece hanno avuto la facciaccia tosta di erigerlo ai corruttori.
    Che roba...
    Un salutone da luciano / idefix

    RispondiElimina
  7. donnanonmoderna6 gennaio 2008 11:03

    Vieni a vedere ti ho nominata...ciao... Carmela.

    RispondiElimina
  8. ciao Arte
    grazie di averci fatto conoscere Aulla!
    buona domenica erica

    RispondiElimina
  9. Che belli sono sempre i tuoi post Artemisia... Grazie, Giulia

    RispondiElimina
  10. Guai a chi mi tocca la Lunigiana : ho trascorso un fine settimana romanticissimo a Licciana Nardi,in una casina in mezzo al bosco e alla Fortezza della Brunella ho raccolto l'alloro più odoroso della mia vita. Non ho ravvisato le tracce dei leghisti, per mia somma fortuna, ero troppo "in love" per accorgermene :-)

    RispondiElimina
  11. Ma te guarda....comunque non mi fai cambiare davvero idea su Aullallà. Anzi, l'immagine della statua di Bettino che mi fissa mi fa tornare i brividi su tutta la schiena. Comunque, grazie del pensierino!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. io sono aullese e a dire la verità non è che mi ci trovo tanto nella descrizione che fai nel post... la mentalità leghista la vedo poco, basta lasciare il centro e andare verso le frazioni che la gente cambia... per quanto riguarda gli scempi (perchè sono scempi) come la statua di craxi, l'obelisco per le vittime ti Tangentopoli e compagnia bella vorrei ricordati che sono stati espressione del pensiero politico di un sindaco e di una parte politica ben precisa... l'altra Aulla è ben diversa da quella dell'Onorevole (tzè) Barani...
    ciao

    RispondiElimina
  13. Federico, mi fa piacere quello che mi scrivi.

    RispondiElimina
  14. ...non generalizzare, ti prego, io non ho eletto il Sig. Barani a nessuna carica, non sono leghista 8e me ne guardo bene dall'esserlo) e vedo cosa accade da anni ad Aulla, cosa distruggono ogni giorno che passa !

    RispondiElimina
  15. Per carità, Anonimo, non voglio generalizzare, anzi. Ho cercato di descrivere le mie personali impressioni visto che ci passo più o meno tutte le vacanze estive nei dintorni di Aulla.
    Sono ben lieta che se molti Aullesi sono ben diversi dai fan di Barani. Rimane il fatto che il monumento alle vittime di Tangentopoli accanto a quello dei caduti per la resistenza sia per me un cazzotto nello stomaco.

    RispondiElimina
  16. PEGGIO, oserei dire, sono bestemmie !
    Dopo il '45 Aulla rasa completamente al suolo (si contavano sulle dita le case rimaste in piedi) ebbe una grande possibilità di "ricostruirsi" ma tutto è stato gettato alle ortiche anche per colpa nostra, vecchie famiglie aullesi che abbiamo eletto solo e sempre nell'ottica degli interessi personali !!! Se proprio vogliamo dirla tutta, sindaci aullesi" puro sangue ( concedetemelo ;-) ) non ne sono mai stati eletti, tutti provenivano e provengo da frazioni (questo non vuol dir nulla, è solo un precisazione a conferma che quando il degrado c'è è ovunque).
    Concordo sul fatto che oggi Aulla faccia veramente schifo (la citta'), prima della guerra era un gran bel borgo tutto cinto da mura, abbiamo lasciato che tutto fosse distrutto ed oggi non abbiamo piu' la forza di riprendercela questa benedetta citta' .
    TI PREGO e torno a ripetere, non giudicateci solo per quello che vedete ! GRAZIE.........ciaooooooo !

    RispondiElimina
  17. Guardo in tv le immagini dei danni che la recente alluvione ha fatto ad Aulla. Soffro per loro ma non posso non provare rabbia sentendo che il fiume Magra non ha fatto altro che riprendersi il suo alveo dove non si sarebbe mai dovuto costruire.

    RispondiElimina