mercoledì 23 settembre 2009

Non siamo estinti


"Ma se non le conosci nemmeno le canzoni della Bandabardò che ci vai a fare al concerto?", mi ha chiesto mio marito giorni fa.
"Per esserci. Per annusare l'atmosfera. Per vedere che aria tira", ho risposto io.
E ho fatto bene.
Come al concerto per il compleanno di Emergency un paio di settimane. Palasport strapieno, banchini presi d'assalto (una maglietta, me la sono comprata pure io), bella atmosfera, bella serata. Splendida Fiorella Mannoia nella sua semplicità. Ha cantato "Oh che sarà che sarà" completamente da sola senza alcun accompagnamento e poi ha cantato insieme a Paola Turci cosi' come veniva, senza nessuna preparazione, ma con molto calore (guardate il video e fate caso alle panoramiche sul pubblico).
Anche ieri sera è stata una bella serata. Un concerto organizzato dalla Regione Toscana per la festa della legalità, cioè, a quanto ho capito, per festeggiare i ragazzi che questa estate sono andati a fare i campi di Libera. Piazza Santa Croce piena di giovani che ballavano, cantavano (sapevano tutte le parole delle canzoni), saltavano, (sbevazzavano) e, tra una canzone e l'altra, gridavano "Berlusconi p...o di m...a". E poi la Bandabardò di cui appunto non sapevo nulla tranne il fatto che c'e' a tutti i concerti del Pimo Maggio: allegri, coinvolgenti, ironici. Impossibile non mettersi a saltare.
Insomma se potrò non me ne perderò uno di questi eventi. Scalda il cuore sapere che c'è ancora questa gente. Dobbiamo spengere la televisione e il computer, uscire dalle case e ritrovarci. Per capire che ci siamo e non siamo affatto pochi. Come ha detto Fiorella Mannoia l'altra sera dal palco: "Non siamo estinti".

9 commenti:

  1. bel post....pieno di speranza che ce ne vuole assai per andare avanti!!

    RispondiElimina
  2. Ennò che non siamo estinti!:-)
    Più cercano di cancellarci, e più caparbiamente ci attacchiamo ad una idea di essere umano, di vita, di stato che (prima o poi) ci decideremo a difendere con i denti e gli artigli.

    RispondiElimina
  3. Uno spirito che va instillato nel profondo visto i lupi ed avvoltoi che si aggirano nel mondo...
    Ultimamente sto subendo le più profonde nefandezze lavorative che mai avrei immaginato tanto che non riesco a respirare più quella ventata positiva che tu sapientemente narri nel post. Per fortuna che è solo il mondo terreno...

    RispondiElimina
  4. 'nzomma :)
    forse forse estinti ancora no, ma in zona panda di sicuro, temo!

    RispondiElimina
  5. ehi, sPunto, vacci piano a parlar male dei lupi...loro attaccano solo per bisogno:-)

    RispondiElimina
  6. non solo non siamo estinti ma ci riproduciamo pure! (i giovani intendo)
    marina

    RispondiElimina
  7. Grande la bandabardò, grande grande!

    RispondiElimina
  8. Non me ne volere luposelvatico... diciamo allora che hanno il "bisogno" di arraffare a più non posso quello che trovano lungo la propria strada ;-)

    RispondiElimina
  9. ah!!! la mia canzone! mio marito me l'ha dedicata come assolutamente manu-descrivente!

    Devo dare di gas
    voglio energia
    metto carbone e follia
    se mi rilasso, collasso
    mi manca l'aria e l'allegria ...

    (un pregio o un vizio che nel tempo ti stenderà?)

    RispondiElimina