sabato 10 novembre 2007

Eccole, eccole, eccole...

Anche Giuliano Marrucci, il simpatico giornalista di Report che si occupa delle Good News, mi ha confessato la sua difficoltà a trovare buone notizie che avvengano in Italia.
Non avevo dubbi. Però oggi sarà che c'è il sole, sarà che mi sono svegliata bene... e allora eccole qua. Piccine, insignificanti, irrilevanti, ininfluenti, ma fa tanto piacere trovarle!

Treviso: E il venerdì il parroco trasformò la chiesa in moschea per gli islamici
(L'Unità, sabato 10 novembre 2007)
E' una chiesa. Ma tutti i venerdì diventa moschea, per favorire l'integrazione religiosa. Accade a Paderno di Ponzano Veneto (Treviso), dove il parroco di Santa Maria Assunta, don Aldo Danieli, ha deciso di riservare alcuni locali della parrocchia alla preghiera e all'incontro degli immigrati musulmani. A Ponzano i nuclei familiari di immigrati stranieri sono 232, circa 650 persone, prevenienti soprattuto dal Nord Africa e dall'Est Europa. "E' inutile parlare tanto di dialogo se poi gli sbattiamo la porta in faccia. Papa Woytila li ha chiamati cari fratelli musulmani - precisa il sacerdote-, come si fa allora a chiudergli la porta? Per me sono tutti figli di Dio". Così, agli immigrati di fede musulmana. Don Aldo, 69 anni, ha spalancato le porte, mettendo loro a disposizione per la preghiera del venerdì l'oratorio della parrocchia, con annessa cucina e palazzetto. "Loro me l'hanno chiesto e io ho detto di sì - precisa il parroco-. Gli oratori del resto rischiano di fare le ragnatele". Una iniziativa avviata due anni fa, che all'inizio ha fatto storcere il naso a più di un parrocchiano con le conseguenti perplessità del vescovo e della Curia. "Il vescovo quando l'ho incontrato non ha avuto il coraggio di dirmi niente. Se me lo avesse proibito, non avrei obbedito".

Più bici in città: arriva un fondo di 15 milioni
(L'Unità, sabato 10 novembre 2007)
Quindici milioni di euro dal Fondo triennale per la mobilità sostenibile e per promuovere l'utilizzo del trasporto ciclistico urbano e l'intermodalità tra bici e mezzi pubblici. A questi stanziamenti va aggiunto il milione e 250 mila euro per finanziare i primi 11 progetti di bike sharing presentati da altrettanti comuni. Sono alcuni degli interventi a favore dell'utilizzo della bicicletta stanziati dal ministero dell'ambiente in occasione della prima Conferenza nazionale della bicicletta. "Possiamo quindi essere più fiduciosi. L'obiettivo di proporre un sistema integrato che incentivi l'utilizzo dei mezzi pubblici, riduca la pressione del trasporto privato e favorisca la mobilità dolce, è più vicino. Per raggiungere questo ambizioso obiettivo è necessario da parte delle istituzioni, locali e nazionali, uno sforzo congiunto per aiutare al bicicletta e, con essa, tutti noi" Percoraro Scanio ha così annunciato che il prossimo impegno sarà di istituire un Servizio Nazionale della Bicicletta presso il Ministero dell'Ambiente, in collaborazione con le istituzioni interessate. Il servizio nazionale dovrà farsi carico dell'elaborazione di un piano della mobilità ciclistica nelle città anche intervenendo sul codice della strada e favorendo servizi come, per esempio, il bike sharing.

Promosso!
(Artemisia's blog)
Vi ricordate Kambale il bambino congolese che sosteniamo a distanza tramite al Reach Italia?
Oggi è arrivata la sua pagella del 2 luglio 2007. Non solo è stato promosso ma ha riportato ben 12 Excellent e 5 Bon. 221 giorni di presenza a scuola su 222. Questo il giudizio:
"Le garcon est corageux en classe, il travaille bien en classe. Il passe dans la classe superieure avec 79 pourcent".
Lo so che di questa notizia non importerà nulla a nessuno, ma io sono contenta.

8 commenti:

  1. donnanonmoderna10 novembre 2007 17:50

    Magnifiche notizie, magari tutti i giorni un parroco diventasse così intelligente come quello di Treviso! Ogni volta che passo da te mi rincuoro perchè sei una persona che sa trovare il meglio nella vita o almeno ci provi e questo è bellissimo...ciao mia cara a presto...Carmela.

    RispondiElimina
  2. Peccato che il vescovo abbia già fatto fare dietrofront...
    Ah, queste gerarchie ottuse...per una volta che ne avevano combinata una buona!

    RispondiElimina
  3. Ci voleva proprio una bella ventata d'aria fresca... notizie buone decisamente opposte al mondo dei mass media che non esitano minimamente ad affossarci e stressarci con quello che vogliono..

    RispondiElimina
  4. E invece bravissimo al bambino! :-)

    RispondiElimina
  5. grazie, grazie grazie! Abbiamo tanto bisogno di buone notizie! Quella del parroco mi ha riscaldato il cuore. E auguri a Kambale!
    ciaomarina

    RispondiElimina
  6. Hai visto che le buone notizie sono contagiose? e tu sei diventata una professionista..
    un bacio

    RispondiElimina
  7. ciao,bel blog mi piacerebbe fare uno scambio link,questo è il mio:

    http://mark-be.blogspot.com/
    IL BLOG DELLA SIMPATIA
    fammi sapere

    RispondiElimina
  8. Si' lo so. Il vescovo ha chiesto a Don Aldo di fare dietrofront. Io pero', da inguaribile ottimista, penso che sia solo un "messaggio" da dare ai media. La stanza (non la chiesa ovviamente) era stata messa a disposizione da piu' di un anno e non solo alla comunita' islamica, anche per esempio ai protestanti ghanesi. Quindi penso sia stato solo un modo di non far parlare piu' del caso.

    Mark, con tutta la simpatia di cui al nome del tuo blog, non sono disponibile a scambi di link "al volo". Se continueremo a frequentarci probabilmente divverremo "amici blogger" e allora lo scambio verra' da se'.
    Sorry!

    RispondiElimina