giovedì 6 marzo 2008

Quando le parole cadono nel vuoto

Da un po' di tempo è comparsa su Repubblica.it una rubrica di sensibilizzazione per la riduzione dell'emissione di CO2: Lettori per il clima. Mi fa piacere trovare questo tipo di iniziative, soprattutto su un portale molto seguito. E' utile che se ne parli sempre di più di questi temi soprattutto, secondo me, stimolando l'impegno quotidiano dei cittadini. Nell'ultima settimana si parla del risparmio energetico in ufficio.
Personalmente in ufficio cerco di risparmiare risorse analogamente a quello che faccio nel resto della giornata. Vengo al lavoro in autobus. Il fancoiler della mia stanza è sempre spento sia di inverno che d'estate perchè mi vesto adeguatamente e utilizzo la temperatura che entra dalla porta. Stampo e fotocopio solo quando è necessario e possibilmente fronte-retro. Cerco di riutilizzare i fogli dal lato non stampato per appunti o altro. Getto nel contenitore della carta persino il biglietto dell'autobus utilizzato. Non accendo la luce se è sufficiente quella che arriva dalla finestra e la spengo sempre quando esco dal bagno. Spengo il computer e la stampante a fine giornata. Bevo acqua del rubinetto (ho tre bottiglie di vetro sulla scrivania).
Un paio di anni fa in una delle riunioni del servizio di cui sono responsabile mi sono raccomandata con i miei colleghi di avere analoghe accortezze per il bene del pianeta.
Risultati: vengono quasi tutti al lavoro in auto (che prendono anche per andare al bar distante 300 metri), quasi nessuno spenge il computer la sera, nessuno spenge la luce in bagno, nessuno stampa e fotocopia in fronte-retro (vedo uscire dalla stampante mail dal contenuto del tipo: "Va bene", "Sono d'accordo", "Ci vediamo domani"), aria condizionata e riscaldamento a palla e se fa un po' più freddo qualcuno accende persino la stufina elettrica (in particolare una collega che in occasione di "M'illumino di meno" ha organizzato una cena con gli amici al lume di candela).
Queste sono le soddisfazioni della vita!

21 commenti:

  1. Cosa vuoi che sia...così va il mondo...non tutti hanno a casa una fugla che mi riprende in continuazione su quanto tempo tengo la luce accesa (con l'età sono diventata un po cecata!).Ci vuole pazienza!!

    RispondiElimina
  2. Scusate: fugla significa figlia

    RispondiElimina
  3. E brava la nipote! A casa mia il contrario: sono continuamente a spengere luci inutili, standby, ecc.

    RispondiElimina
  4. Anch'io spengo luci e chiudo rubinetti! E' una lotta contro il tempo!

    RispondiElimina
  5. io spengo luci e chiudo rubinetti, stampo fronte/retro ma tengo il pc in stand by.
    mo lo sai, se mi vuoi depennare fallo ;-)
    ciao marina

    RispondiElimina
  6. Se non c'è presa di coscienza, non ci sono risultati.
    Eppoi, gli italian siamo un po' distratti (sic).

    Rino.

    RispondiElimina
  7. Figurati se ti depenno, Marina. Sono ben altri gli esempi che ho intorno!

    RispondiElimina
  8. guarda, ognuno nella sua vita fa quello che vuole, ma uno che lascia il pc e cose varie accese a fine giornata (ma tutta la notte???) sarebbe da multare.
    1: non si lasciano apparecchi accesi così perchè possono danneggiarsi se c'è un temporale e magari causare un incendio. c'è gente che è morta per uno standby della tv.
    2: non pagano loro ma tutti noi. quindi sono pregati di spegnere. se poi a casa loro voglio sprecare, liberissimi, ma non gli è concesso buttare via i soldi di tutti, perchè non sono loro.
    Scusa ma una cosa così ancora non l'avevo sentita è veramente pazzesca, per non dire di peggio. Sono cose che mi fanno andare in bestia.

    RispondiElimina
  9. Liber, capisco la tua rabbia ma dal punto di vista del pericolo di incendio non sono certo i PC gli apparecchi più pericolosi che rimangono accesi la notte (e anche nel weekend) nel mio istituto.
    Per quanto riguarda il fregarsene dello spreco di denaro pubblico, dopo 25 anni di lavoro nel pubblico un briciolino di callo ce l'ho fatto. Ne ho parlato anche qui.

    RispondiElimina
  10. ..io spengo luci e chiudo rubinetti e led vari prima di andare a letto..e bevo acqua di rubinetto..Ma non sono molto brava..perchè spesso lascio acceso il televisore anche se non sono in quella stanza..così..solo per compagnia..
    Ciao Artemisia! ..Auguri in ritardo per tuo figlio..Sai che io ne ho uno di 13?..Che sembra grande e mi prende sempre in giro dicendo che sono "vecchia" e ride sempre di me,? Ma so che mi "imita"..specie negli studi e in politica..?
    Un abbraccio
    Frida

    RispondiElimina
  11. Eh Frida, il sarcasmo degli adolescenti mi e' noto...
    Riguardo alla politica mio figlio grande (quello dei 15 anni) e' sensibile all'argomento e si dichiara simpatizzante per la sinistra radicale. Invece il piccolo (12 anni) mi sembra del tutto disinteressato.

    RispondiElimina
  12. MI RITROVO MOLTO NEI RISULTATI CHE HAI AVUTO CON I COLLEGHI ,I MIEI MI SEMBRANO PEGGIO, SAI PRIMA CHE CI METTESSERO LE VARIE MACCHINETTE DISTRIBUTRICI DI CAFFE MERENDINE E ACQUA ,TUTTI SI PORTAVANO DA CASA LA BOTTIGLIONA DA 2 LITRI (OVVIAMENTE MINERALE NATURALE GASSATA..) ORA TUTTI O QUASI SI COMPRANO DUE TRE BOTTIGLIETTE DA MEZZO LITRO COSI OLTRE A SPENDERE TRE VOLTE TANTO BUTTANO TANTA PLASTICA IN PIU, E COME SE NON BASTASSE C'E QUASI DA DISCUTERE PERCHE VENGANO BUTTATE NEL BIDONE BLU! MA IO CONTINUO CON LE MIE DIVISIONI SPERANDO CHE L'ESEMPIO SIA PIU FORTE DELLE PAROLE.
    CIAO A

    RispondiElimina
  13. Io di solito faccio il turno del mattino, ma questa settimana sto facendo il pomeriggio, così a fine giornata inizio a spegnere (o "spengere" come dici tu, voi toscani siete troppo forti!) tutte le luci. I miei colleghi passano e dicono: "un po' buio no??", ma a me non interessa... tanto poi lo so che quelle delle pulizie riaccendono tutto dopo un'ora, ma è più forte di me!

    RispondiElimina
  14. Anche in questo ci vuole attenzione e sensibilita' quella che spesso ci dimentichiamo di avere, perche' tutti ne abbiamo la possibilita' e le potenzialita' ma richiede una certa dose di applicazione che non siamo disposti ad avere o mettere in progetti di cui si possano vedere i risultati in un batter baleno.
    Certe menti e' difficile cambiarle ad una certa eta' ... una risorsa che abbiamo sono i figli da educare in una certa maniera nel rispettodella natura e dell'uomo.
    Un caro saluto
    Dona

    RispondiElimina
  15. Essere ecologici sembra di essere dei diversi, tutti ti guardano come fossi un marziano... Prova a chiedere l'acuqa del rubinetto al ristorante e poi vedi cosa succede. Un abbraccio, Giulia

    RispondiElimina
  16. Già provato, Giulia, e confermo.
    In proposito c'è un'iniziativa partita da un'associazione fiorentina che si chiama Imbrocchiamola!
    che invita a segnalare i locali che "la danno" e quelli che "non la danno" (l'acqua del rubinetto).

    RispondiElimina
  17. è vero ad essere ecologici si rischia una multa:)
    Ciao bentrovata

    RispondiElimina
  18. Io sono nota come colei che vive nelle tenebre, ma lo faccio solo per nascondere le rughe :-))
    Scherzi a parte, sono bravina e mi incavolo con i tipi che si comportano come i tuoi colleghi.
    Sono una rompiballe.
    Ma non ho colleghi, e questo aiuta molto.
    Baci baci.
    Anna

    RispondiElimina
  19. Per la tua bolletta risparmierai di sicuro se hai queste accortezze, ma per il mondo, di sicuro non eviti lo scioglimento dei ghiacciai!

    Comunque, buon 8 Marzo.

    Pandoro ;-D

    RispondiElimina
  20. Non è tanto vero, Pandoro, credo che ti stupiresti a vedere i dati sulle provenienze dei consumi. Le buone abituditi hanno un'incidenza molto rilevante. Forse non eviterai lo scioglmento dei ghiacci ma... si può fare molto.

    RispondiElimina