mercoledì 9 marzo 2011

Buone notizie intorno a me

Sempre più scarsi i motivi di ottimismo leggendo le notizie di attualità. Meglio limitarsi alle cose più vicine tra le quali qualche buona notizia si trova.
  • Dopo anni nei quali, da talebana della raccolta differenziata, mi sono portata il mio sacchettino di scarti di cucina nell'unico cassonetto della zona distante circa 500 metri, stanno finalmente posizionando i cassonetti dell'organico nella mia strada.
  • Il ragazzo ruandese che sostengo a distanza tramite la Reach Italia ha brillantemente terminato gli studi. Mi è arrivata la sua foto (con la sua candida camicina bianca e l'aria un po' triste e pensosa) accompagnata dalla sua pagella: 217 giorni di presenza a scuola su 220, "buono" a tutte le materie tranne due "eccellente". Una piccola grande soddisfazione. Spero che davvero questo gli dia la possibilità di un futuro dignitoso, come dice la lettera della Reach. Mi hanno assegnato adesso Elie, un tenerissimo bambino del Burkina Faso che inizia ora il suo percorso scolastico.
  • La ricercatrice precaria di cui ho parlato in questo post (forse qualcuno la ricorderà) è stata assunta a tempo indeterminato presso il mio ente dal 1 marzo, risultando vincitrice di un concorso nazionale. La sua tenacia è stata premiata.
  • Infine, non avrei scommesso un cent sulla sopravvivenza all'inverno delle quattro piantine di geranio comprate l'estate scorsa (ricordate l'esperimento?). Due infatti sono morte ma dalle altre due, lasciate fuori alle intemperie (anche se riparate un po' dal vento) senza alcuna cura, stanno spuntando miracolosamente delle nuove foglioline verdi. Rimango sempre stupefatta della potenza della vita.

4 commenti:

  1. Ogni tanto buone notizie! Grazie!

    RispondiElimina
  2. Dai giornali è oggettivamente quasi impossibile ricevere buone notizie anche perchè hanno la virtù di saperle affossare...
    Complimenti per l'adozione a distanza è sempre un gran segno di umanità!!
    Se vuoi un'altra buona notizia passa dalle mie parti (attualmente penultimo post)...

    RispondiElimina
  3. Piccole grandi gioie che ci aiutano ad andare avanti. Un caro saluto, Fabio

    RispondiElimina
  4. a me hai fatto sorridere...
    congratulazioni al tu ragazzo ruoandese, alla ricercatrice (che mi ricordavo dato che per ragioni personali ho avuto un moto di solidarietà e anche ammirazione) e alle tue piantine! e a te ovviamente!

    RispondiElimina