mercoledì 26 ottobre 2011

Perché blog?


  • per sfogare le arrabbiature;
  • per condividere idee, emozioni, riflessioni, soddisfazioni, amarezze;
  • per ricevere commenti (pochi, anzi meglio pochi-ma-buoni che tanti-insignificanti-o-peggio-ancora-insultanti);
  • per consigliare qualcosa che mi è piaciuto;
  • per fare esercizio di scrittura (che ce n'è talmente bisogno, ché poi altrimenti si perde la capacità di mettere insieme un discorso, guarda quanta gente non sa più scrivere due righe);
  • per approfondire, elaborare, memorizzare, assimilare (ché se una cosa che mi colpisce non mi fermo a scriverla, a riassumerla, ad approfondirla con ricerche in rete, svanisce presto dalla mia mente, evapora ed è come se non l'avessi mai sentita/vista/vissuta, e finisce che mi chiedo: "da chi avevo sentito questa cosa? Chi era quello che aveva detto questo? Quand'è che ne ho sentito parlare?");
  • perché mi piace "confezionare" qualcosa (nessuna pretesa artistica o giornalistica, però che bello avere un'idea che piano piano prende forma, si butta giù un po' di parole e poi si cercano i link, e poi si lima l'Italiano, e poi si cerca la foto o la figurina, e poi si fa l'allineamento a destra, e poi il controllo ortografico, e poi si rilegge e si migliora, e alla fine si clicca su "pubblica post");
  • perché mi diverto, perché non vedo l'ora di ritagliarmi quel tempo per scrivere;
  • perché quando rileggo i miei vecchi post mi dico: "Però carino questo, non mi ricordavo di averlo scritto!"
  • perché se poi quello che pubblico piace o interessa qualcun altro, sono ancora più contenta.
Della serie, ogni tanto bisogna andare in loop e ricominciare dall'inizio. ;-)

16 commenti:

  1. Mi leggi nel pensiero...In questi giorni stavo cercando di capire il senso di un blog...E qui la risposta: perfetta, precisa, proprio quello che volevo sentirmi dire.
    Condivido tutto quello che scrivi.

    Ogni tanto sì, bisogna ritrovare il perché di quello che si fa!

    RispondiElimina
  2. Beh, precisa mica tanto. L'ho scritto proprio di getto (e si vede). Di solito rileggo, limo, ecc.
    Mi scappava così... :-D

    RispondiElimina
  3. Concordo su ogni singolo punto! è bello poter avere un luogo tutto nostro, dove lasciar andare i pensieri a ruota libera!

    RispondiElimina
  4. Sai bene che genere di sfogo sia per me il blog.
    Mi piace anche leggere i blog degli altri amici e non tralascerei mai il tuo.
    Cristiana

    RispondiElimina
  5. GIOVEDÌ 11 GENNAIO 2007
    Ma quanto tempo!... mi sembra ieri che nelle nostra passione comune ne parlavi …
    Brava e complimenti, mi piace leggere sempre i tuoi post anche se in ritardo, post che normalmente condivo e mi chiedo “ma dove trovi il tempo per buttarli giù così corretti?”
    Un caro saluto, eih! .. spero di vederti presto, al massimo tra un mesetto e sai di cosa parlo.
    Baci
    S.

    RispondiElimina
  6. O si scrive o si cammina, cara S.
    :-)))

    RispondiElimina
  7. Condivido tutto.

    :-) tranne l'allineamento a destra

    RispondiElimina
  8. A me Artemisia ha fatto prendere la mania dell'allineamento a destra...Adesso quando leggo i miei vecchi post vorrei correggerli tutti!!!

    RispondiElimina
  9. Artemisia volevo segnalarti questo sito
    http://blog2print.sharedbook.com/blogworld/printmyblog/index.html
    Si può stampare il proprio blog come fosse un libro, anche in download.
    Tu hai finito le stampe del tuo? Potrebbe essere una buona alternativa se non sei già a buon punto!

    RispondiElimina
  10. "...per approfondire, elaborare, memorizzare, assimilare (ché se una cosa che mi colpisce non mi fermo a scriverla, a riassumerla, ad approfondirla con ricerche in rete, svanisce presto dalla mia mente, evapora ed è come se non l'avessi mai sentita/vista/vissuta, e finisce che mi chiedo: "da chi avevo sentito questa cosa? Chi era quello che aveva detto questo? Quand'è che ne ho sentito parlare?")"

    Questo è il motivo in cui più mi rispecchio, nel senso che lo condivido e lo reputo forse il più stimolante. Ma li condivido tutti e sono d'accordo con gli altri: anche stavolta ti sei spiegata alla perfezione.
    Spero che valga anche per chi come me voleva snobbare "facebook", ma che poi per i motivi che tu hai scritto e per un altro del tutto personale che forse tu immaginerai (pensa al mio blog), mi è entrato lentamente nelle "vene" fino al punto da fare del mio "vecchio" blog un arnese arruginito e dimenticato.
    Ma non è detto che non mi venga la voglia un giorno di dagli una bella restaurata.
    Ciao
    P.S. Bloggando o feisbuccando per me è uguale, basta che si apprenda qualcosa di nuovo (se poi si dimentica tutto o quasi, pazienza, qualcosa rimane. Non sei d'accordo?

    RispondiElimina
  11. "I" sta per Irnerio. Chiedo scusa.

    RispondiElimina
  12. Grazie, Alchemilla. Per le stampe sono arrivata alla fine del 2010 ma valuterò questo sito che proponi.

    Ben tornato, Dario. Ora vengo a leggere cosa hai fatto. L'allineamento a destra è una piccola fissazione estetica.

    Ciao Irnerio, grazie per aver specificato che eri tu. Mi dispiace ma io continuo a resistere a FB. Da quello che ho potuto vedere (mio figlio piccolo lo usa massicciamente) vi si privilegia la comunicazione rapida e spontanea e ciò farebbe venir meno un paio di utilità del blog. Poi ci sono altre remore (trattamento dei dati da parte di FB) e personali antipatie (colleghi che invece di lavorare ci stanno fissi).
    In realtà, alla fine della fiera, non me lo posso permettere in fatto di tempo libero.

    RispondiElimina
  13. Sono ancora io.
    Ti volevo segnalare anche questa iniziativa, non so se conosci già Palmy http://laproffa.blogspot.com/2011/10/adotta-una-parola.html

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. :-) si', si', lo so che e' una tua fissa...

    ...pero', sara' solo per una questione politica, a me l'allineamento a destra proprio non piace :-)))))

    RispondiElimina
  16. Giusto. A questo non avevo pensato. :-)

    RispondiElimina